Formazione

Corsi brevi

IL GIS: STRUMENTO DI ANALISI TERRITORIALE PER IL PROGETTO

Area paesaggio
Torino, 4 - 6 marzo 2013

 

 

Qualsiasi progetto di gestione di beni o attività culturali che interfacci temi di sviluppo locale e di gestione da parte di enti si deve misurare con problemi di localizzazione o di distribuzione territoriale, quindi con gli aspetti geografici e paesaggistici dello specifico tema che si sta affrontando.
Il fruitore delle informazioni geografiche è abituato alla consultazione di una carta ben conoscendo le regole e le metodologie attraverso cui il mondo reale viene in essa rappresentato.
L'automazione cartografica e la cartografia numerica prima, ed i database geografici e le tecnologie GIS poi, hanno modificato questo stato di cose e sempre più il mondo delle informazioni geografiche e dei dati territoriali è legato a quello dell'informatica, della quale utilizza le regole ed il supporto di rappresentazione.
Sempre più le informazioni geografiche sono disponibili solo su supporto informatizzato, e sempre meno le «informazioni geospaziali» hanno anche una rappresentazione grafica tradizionale su carta.
Le tecnologie informatiche sono pertanto divenute strumenti necessari, che bisogna conoscere, ma che, com'è ovvio, non si sostituiscono del tutto alla tradizionale cultura cartografica e geografica.

Il modulo del corso si prefigge quindi l'obiettivo di introdurre al mondo dei database geografici e territoriali, fornendo strumenti conoscitivi riguardo ai sistemi GIS (Geographical information systems) comunemente definiti come "combinazione di dati spaziali e di relativi attributi, di risorse hardware e software, di risorse umane con adeguata preparazione e di metodi di analisi, il tutto organizzato per automatizzare, gestire e distribuire informazioni a contenuto geografico e territoriale".
Il corso affronta anche una introduzione alla nuova fase evolutiva dei GIS. Internet e lo sviluppo della tecnologia Web GIS aprono infatti ad una nuova cultura geografica.
La cartografia, così come storicamente conosciuta e utilizzata, diventa un «sistema di informazioni geografiche» gestite da risorse software specifiche sempre più diffuse e distribuibili facilmente via rete telematica, e la diffusione pervasiva del concetto di georeferenziazione, sia in ambito disciplinare-scientifico, che a livello del consumatore, rimodella le forme della dimensione geografica.
La tecnologia senza fili, le forme innovative di uso sociale dell'informazione geografica-territoriale e la diffusione della tecnologia GPS prefigurano uno scenario che vede ogni oggetto fisico e ogni area (ogni luogo) con proprie coordinate geografiche a cui sono associate informazioni rese disponibili via Web e accessibili da smart mobs cellulari.

Programma

Scarica il programma

Docenti

Paolo Castelnovi è esperto di paesaggio e progettazione urbanistica, ha curato gli aspetti paesaggistici e di definizione della morfologia urbana e degli insediamenti rurali in numerose località, alla scala territoriale (piani regionali del Piemonte, della Valle d’Aosta, Piani provinciali di Trento, Venezia, Napoli), delle aree protette (Piano del Parco dei colli Euganei, dei monti sibillini, del Monte Beigua, del Cilento e Vallo di Diano) e urbana (Catalogo delle buone pratiche per l'insediamento della Regione Piemonte, Variante Qualità di Pinerolo, PRU di Este, Piani e progetti urbani a Modena e a Padova). È curatore editoriale del sito www.landscapefor.eu. È docente in progettazione urbanistica, urbanistica e pianificazione territoriale dal 1994, attualmente presso la II Facoltà di Architettura. È relatore in oltre 50 convegni nazionali e internazionali  e autore di oltre 50 saggi.

Costo

Marketing innovativo: 390 € + iva 21%.

Scopri tutte le agevolazioni e le offerte per partecipare ai corsi.

Iscrizioni

Per iscriversi è necessario compilare il modulo di iscrizione on line.
Il corso fa parte dei moduli che costituiscono il percorso di formazione CRPC-XVII.
È possibile iscriversi fino ad esaurimento posti.
Numero posti disponibili: 10

 

Informazioni

Annalisa Regis
Fondazione Fitzcarraldo
tel. + 39 011 5683365
e-mail: training@fitzcarraldo.it

 

Fondazione Fitzcarraldo, Via Aosta 8, 10152 Torino. Tel +39 011 50 99 317, Fax +39 011 50 33 61
Per informazioni | Per commenti e segnalazioni sul sito
Questa pagina è valid XHTML 1.0 Strict